L'importanza del drago nei balli cinesi.

Dalle parate nelle strade dedicate alle figure mitiche del drago e del leone, come quelle che hanno accolto l'inizio dell'anno del serpente, alle raffinate movenze dell’Opera cinese, la Cina offre alla danza un posto d’onore nella società e una valenza quasi magica.

La Cina ha un percorso storico molto articolato, e anche la storia della sua danza vanta una tradizione di oltre 5000 anni. Nella danza cinese confluiscono praticamente tutte le arti cinesi (kung fu, taichi, acrobatica, opera cinese, dramma). Il simbolismo e la ritualità, sedimentati da secoli e secoli di tradizione, sono forti e presenti nelle danze popolari.

Il Drago, un mito e simbolo nei balli folkloristici cinesi

Tra le figure e simboli di maggior rilievo nei balli folkloristici cinesi c’è sicuramente lui, il drago. Simbolo di fortuna e potere, è una creatura mitologica buona e nobile e, in antichità, era associato all'Imperatore. E’ molto presente nei balli tipici cinesi con una danza dedicata interamente a questo simbolo: la Danza del Drago. Durante la danza, un gruppo di persone porta il corpo del drago su delle aste. Il corpo del drago può arrivare ad essere portato da 50 persone, che imitano i movimenti dello spirito delle acque in modo sinuoso ed ondulato.

Questa danza è tradizionalmente simbolo del ruolo storico del drago, che impersona la forza e la dignità. Secondo la tradizione, i draghi sono portatori di buona sorte, di forza e dignità, ma anche di fertilità, saggezza e fasto.
L'apparizione di un drago è spaventosa e sfrontata, ma allo stesso tempo benevola, per questo l'animale fantastico viene associato all'autorità imperiale. Il drago viene spesso definito "sacro", a causa della sua immagine che incute gran rispetto.

Gli imperatori della Cina antica consideravano sé stessi dei draghi, trasformando quindi l'animale nell'emblema dell'impero. La Danza del Drago ha avuto origine nella dinastia Han (202 a.c.-220 d.c.), grazie a quei cinesi che mostravano una particolare venerazione verso l'immagine del drago. Durante la dinastia Song, la danza era già diventata popolare e veniva eseguita dalla gente durante le celebrazioni festive, così come la danza del leone.

Ma perché proprio il drago?

Il drago cinese ha avuto origine come combinazione stilizzata di diversi animali realmente esistenti in natura, e si è poi evoluto in creatura mitologica venerata dal popolo. I tratti del drago uniscono le corna del cervo, le orecchie del toro, gli occhi del coniglio, le fauci della tigre e le squame del pesce, tutto portato insieme dal corpo del serpente.
Vi era la credenza che il drago fosse un animale anfibio con l'abilità di camminare sulla terra, volare in aria e nuotare nel mare, divenendo governatore del tempo atmosferico nuvoloso e piovoso.

La danza del drago è parte importante della cultura e della tradizione cinese, e si è diffusa grazie all'emigrazione del popolo cinese nel mondo. Spesso il colore principale del corpo del drago è il verde, che simboleggia una prospera produzione agricola.

Tra danze, draghi e meraviglie naturali la Cina è un universo tutto da scoprire!

Motì S.r.l.s. Unipersonale - Via Pietro da Cortona, 26 - 00196 Roma (RM) | Tel. +39 06 85382366 | P.Iva 15718411000 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Motì Group

Copyright ©2022

Management Creare e Comunicare | Coding Digitest.net