Scopriamo la danza Apsara cambogiana.

Fra i bassorilievi più affascinanti che si possono ammirare sulle mura dei templi di Angkor, non potrete non notare sagome di fanciulle in varie pose con elaborati copricapi. Sono le apsaras, interpreti della danza apsara cambogiana. La danza apsara è, ora più che mai, parte integrante della cultura cambogiana, e non dovreste perdere l’occasione di assistere a una rappresentazione.

La danza apsara è soprattutto una riacquisizione di radici da parte del popolo cambogiano, nonostante il tentativo di Pol Pot di sradicarla dalla società.

Ma scopriamo più da vicino cos’è, il suo significato e la sua storia.

La danza Apsara cambogiana

Viste le sue origini come danza per incantare i mortali grazie alla bellezza delle danzatrici, la danza apsara è una danza sinuosa, lenta e ipnotica.

Le danzatrici vengono addestrate fin da bambine perché occorrono molti anni per apprendere tutti i gesti.

Inoltre è necessario anche acquisire la flessibilità delle mani in tenera età. Generalmente si inizia a 7 anni.

Ogni gesto, o posizione delle mani, ha un preciso significato per raccontare una storia. Si tratta addirittura di un alfabeto, costituito da 1165 gesti precisi, mentre le dita sinuose si allungano all’indietro in modo incredibile.

La successione dei gesti racconta la storia, parola per parola, fino a formare delle frasi. È come se le mani stesse si sfogliassero, un petalo alla volta.

E poi ancora, la preparazione allo spettacolo richiede anche 3 ore per trucco e vestizione.

La storia della Danza Apsara

Secondo la leggenda, il re di Angkor Jayavarman II, all’inizio del IX secolo, ricevette il regno da Indra, re degli dei, insieme a danzatrici Apsaras per insegnare tale arte al suo popolo.

Ci sono prove che testimoniano quindi la nascita della danza Apsara già dal VII secolo.

La danza Apsara era riservata unicamente al re.
Era usata come danza sacra, come rituale di stato, scandiva la vita religiosa della famiglia reale e veniva usata nei riti propiziatori per ottenere buoni raccolti. Tutto questo per secoli.

Tanta era la stima per le Apsara che, alla conquista di Angkor da parte dei siamesi, un corpo di danzatrici venne portato in Thailandia.

La Danza Apsara Patrimonio Unesco

La danza Apsara, risuscitata per miracolo, verrà completata tramite le posizioni raffigurate nei bassorilievi dei templi e trasmessa dai superstiti alle nuove generazioni.

Ora è più fiorente che mai. È stata inserita nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO dal 2008.

Apprendere la danza Apsara è un sogno che si avvera per molte bambine, finalmente libere di ballare ed esprimersi.

E voi conoscevate la danza Apsara? L’avete mai vista? Vi è piaciuta?

Motì S.r.l.s. Unipersonale - Via Pietro da Cortona, 26 - 00196 Roma (RM) | Tel. +39 06 85382366 | P.Iva 15718411000 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Motì Group

Copyright ©2022

Management Creare e Comunicare | Coding Digitest.net