Le scene di ballo più indimenticabili nei film.

Tra tutti i film del cinema, tante sono le scene di ballo rimaste nella storia, o meglio tante le scene di ballo che contraddistinguono determinati film. Il ballo è ovunque e oltre all’atto performativo in sé e di puro intrattenimento, nel cinema mostra l’apice della sua libertà di espressione.

Vediamo insieme quali sono le scene di ballo più memorabili.

  • The Millionaire di Danny Boyle: la scena finale del film rappresenta un flashmob dove il protagonista, che ha dovuto affrontare difficoltà di ogni genere, si trova coinvolto in un ballo con tantissime persone. Questa coreografia ha trasmesso allo spettatore il senso di vittoria del protagonista, come se fosse un eroe.
  • Pulp Fiction by Quentin Tarantino: nonostante il carattere forte e crudo di Tarantino, in questo film una scena di ballo vede coinvolti i due protagonisti, Uma Thurman e John Travolta sbizzarrirsi sulle note musicali di un perfetto twist.
  • Jocker: la scena di ballo sulle scalinate, è una delle più memorabili di questo film. Jocker da sfogo alla sua massima espressività, liberandosi di ogni forma di pregiudizio e si scatena come non mai ballando rockn’roll.
  • Titanic: Anche il film più chiacchierato di sempre ha la sua scena di ballo. Si tratta di una movimentata festa irlandese in terza classe, dove Jack e l’aristocratica Rose si lasciano andare al ritmo scatenato che farà da colonna sonora alla nascita del loro amore.
  • Billy Elliott di Stephen Daldry: è considerato un film di ballo, ma nella trama è forte il messaggio relativo al raggiungimento del sogno del ragazzo di poter diventare ballerino, nonostante sia difficile dato il contesto culturale e sociale in cui vive. La scena più significativa è quando Billy Elliot improvvisa dei passi di tip tap, ballando di fronte al padre restio ad accettare il sogno del figlio.
  • Climax di Gaspar Noè: dove la danza diventa quasi l’unica forma di linguaggio del film. L’intera pellicola è incentrata su una scena di ballo con un gruppo di 24 ballerini all’interno di una scuola di danza abbandonata. Dopo aver ingerito, a loro insaputa, una sangria mista a LSD, tutti i ragazzi si lasciano trasportare in una danza sfrenata e violenta.
  • La grande bellezza di Sorrentino: il regista rappresenta una Roma decadente e mondana. Mostra gli ambienti delle feste capitoline degli anni 2000, dove l’elite romana si incontra in party spensierati e in atteggiamenti goliardici. La scena di ballo è rappresentata in modo grottesco e al contempo è evidente il mal de vivre dei partecipanti.

Oltre ai film dedicati al ballo, o storie legate ad esso, spesso il ballo nei film viene utilizzata per mostrare momenti di gioia, felicità e condivisione tra i personaggi in scene di vita quotidiana. Proprio per evidenziare quanto il ballo sia parte di noi stessi, di attimi di pura follia e spensieratezza.

A volte basta far partire la musica e farsi trasportare con movimenti del corpo nel modo più libero e sincero. Inoltre le scene di ballo nei film, come abbiamo visto in questi sopra citati, rappresentano diversi stati d’animo: felicità, passione, tristezza, abbandono, vittoria e molto altro ancora. Queste scene nei film sospendono per un attimo la narrazione lasciando che sia il linguaggio del corpo a parlare.

Motì S.r.l.s. Unipersonale - Via Pietro da Cortona, 26 - 00196 Roma (RM) | Tel. +39 06 85382366 | P.Iva 15718411000 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Motì Group

Copyright ©2022

Management Creare e Comunicare | Coding Digitest.net