Musica e sonorità dell'Indonesia: il Gamelan

La musica indonesiana dimostra la sua diversità culturale, la creatività musicale locale, così come le successive influenze musicali straniere che hanno plasmato le scene musicali contemporanee di questi territori.
Quasi migliaia di isole indonesiane con una propria storia e carattere artistico e culturale. Ciò si traduce in centinaia di diverse forme musicali, spesso accompagnate dalla danza e dal teatro.
La forma più popolare e famosa di musica indonesiana è probabilmente il Gamelan. Dalle leggende alle peculiarità musicali e le strette connessioni religiose, tanti sono gli antichi segreti della musica Gamelan indonesiana. Si tratta di un’orchestra di strumenti musicali che comprende metallofoni, xilofoni, tamburi e gong. Può comprendere anche flauti di bambù, strumenti a corda e la voce.

Le origini del Gamelan

Nella cultura giavanese, l’origine del Gamelan è stata menzionata nella mitologia di un eremita chiamato Sang Hyang Guru che per primo ha creato un tipo di gong per invocare gli dèi. Sono stati aggiunti altri elementi percussivi per inviare messaggi diversi agli dèi, ottenendo un set completo di strumenti.
I primi documenti conosciuti di Gamelan sono stati trovati nei rilievi del tempio di Borobudur, risalenti fin dall’VIII secolo.
Ma come per molti altri oggetti storici, è difficile individuare un’origine unica o esatta, sia del tempo che del luogo, da cui il Gamelan è nato e si sviluppa. Gli studiosi sostengono che una combinazione di influenze indù e buddiste, i costumi locali di Giava e la cultura del bronzo nel Sud-Est asiatico hanno contribuito a questa orchestra mistica.
Successivamente, le influenze mediorientali hanno aggiunto strumenti ad arco e lo stile militare europeo ha aggiunto varietà ai ritmi. In breve, la vasta gamma di strumenti, stili e persino accordature derivano dalla lunga storia e dalla diversità dell’arcipelago.

Le funzioni

Al giorno d’oggi, i suoni seducenti si possono trovare in molte ambientazioni da cerimonie e spettacoli di danza tradizionale o teatro alla musica di sottofondo durante i trattamenti termali. Ma originariamente il Gamelan balinese era sviluppato come solenne scopo religioso, come allontanare gli spiriti maligni o preparare adoratori per entrare in uno stato di trance.
In effetti, i battiti di quello balinese possono essere utilizzati come segnali per l’inspirazione e l’espirazione per indurre uno stato meditativo.
Anche il Gamelan giavanese ha i suoi scopi religiosi, come accompagnamento durante le cerimonie religiose. È stato anche utilizzato come forma di intrattenimento per il divertimento della famiglia reale e per accompagnare gli spettacoli di burattini wayang.
Oggigiorno il Gamelan è spesso usato come mezzo per indurre un’atmosfera di calma e tranquillità. Gli antichi principi e costumi musicali sono ancora usati per comporre e improvvisare nuovi pezzi che continuano le tradizioni mistiche e spirituali. L’enorme gong è ancora usato per celebrare l’ufficialità di eventi formali, come l’apertura di un festival, l’inaugurazione di stabilimenti o simili.

L’Exclusive Ballroom Centers Motì a Roma è aperto a tutti coloro che vogliono vivere e scoprire le usanze, i costumi delle diverse culture presenti nel mondo. L’accesso agli ambienti interni della scuola di ballo Motì è gestito nel rispetto delle normative anti-Covid previste dal DPCM in corso. Contattaci per maggiori informazioni.

Motì S.r.l.s. Unipersonale - Via Pietro da Cortona, 26 - 00196 Roma (RM) | Tel. +39 06 85382366 | P.Iva 15718411000 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Motì Group

Copyright ©2022

Management Creare e Comunicare | Coding Digitest.net